mercoledì 4 dicembre 2013

Qualche giorno fa ero in aula per un corso di gestione del tempo. Per aprire ho chiesto ai partecipanti “quali problemi avete con il tempo ?”. Ecco le risposte emerse dall’aula:

  • “E’ troppo poco”
  • “Manca sempre”
  • “Tante volte non basta”
  • “Per mancanza del tempo c’è il rischio di prestare minore attenzione alle cose importanti”
  • “E’ sempre troppo poco rispetto alle cose da fare”
  • “Ci sono giorni in cui non si riesce a fare tutto quello che vorrei”
  • “Dobbiamo gestire il tempo perchè o manca o è troppo”
  • “Quando serve non c’è. Quando si vuole che passi in fretta è eterno”
  • “A volte è troppo poco per le tante cose che si devono fare”
  • Snapshot_20131204

Dopo aver raccolto le risposte in fogli, ed averli appesi sul muro ho scritto questa frase di Stephen Covey sulla lavagna:

… il termine “gestione del tempo” è in realtà fuorviante: il problema non consiste nel gestire il tempo, ma nel gestire noi stessi.

Stephen R. Covey: “Le 7 regole per avere successo” ed. FrancoAngeli

Abbiamo discusso a lungo sul significato di questa frase, con riflessioni profonde ed importanti. Abbiamo ripreso le frasi scritte ad inizio corso e ci siamo dati l’obiettivo di riscriverle seguendo i concetti emersi:

“E’ troppo poco”

“Il tempo è una risorsa democratica: nè troppo poco nè tanto. Dipende da me come lo uso.”
“Manca sempre” “il tempo è una risorsa scarsa: devo saperlo gestire con attenzione”
“Tante volte non basta” “Devo decidere come assegnarlo alle cose da fare”
“Per mancanza del tempo c’è il rischio di prestare minore attenzione alle cose importanti” “Devo decidere cosa è importante e cosa non è importante”
“E’ sempre troppo poco rispetto alle cose da fare” “non posso fare tutto, devo decidere cosa è importante, evitare di fare cose non importanti e dare delle priorità”
“Ci sono giorni in cui non si riesce a fare tutto quello che vorrei” “Devo decidere cosa voglio fare”
“Dobbiamo gestire il tempo perchè o manca o è troppo” “Devo gestire me stesso nel tempo”
“Quando serve non c’è. Quando si vuole che passi in fretta è eterno” “Il tempo non è ne tanto ne poco, la mia percezione dipende dallo stato emotivo”

Interessante …….

2 Responses so far.

  1. Riesci sempre a farmi riflettere, Luigi...

  2. Wow ... grazie.
    Ricorda però che dopo la riflessione e la concettualizzazione ci deve essere la SPERIMENTAZIONE se vogliamo apprendere qualche cosa dalle nostre riflessioni.
    Ciao

Blog Archive

The SketchNoteBook

The SketchNoteBook
il libro sulle SketchNote

Visual & SketcNote Shop

Visual & SketcNote Shop
Modelli Visuali per la formazione

Visualizzazioni totali

- borgo srl p.zza biagio marin, 13 - 35031 abano terme (pd) P.IVA 03388910287 © distinguersi o estinguersi ... - Powered by Blogger -