lunedì 17 novembre 2014


Dopo circa un anno di lavoro è finalmente disponibile in libreria "Experiential Learning -  Metodi, Tecniche e Strumenti per il Debriefing".
Già in altri Post sottolineavo come l'efficacia della formazione esperienziale dipenda molto dalla gestione delle fasi di debriefing. Mi sono spesso chiesto se sia corretto chiamarla "esperienziale" ... probabilmente sarebbe più corretto chiamarla "Esperienziale-Riflessiva".
Questo libro nasce dalla voglia di esplorare il momento della Riflessione: come avviene, quali strumenti possiamo utilizzare per facilitare questa fondamentale fase.
 


Estraggo dall'introduzione:

La prima parte del volume approfondisce il tema dell’apprendimento e della riflessione con applicazioni operative che riguardano i processi di sviluppo delle persone e delle organizzazioni con l’intenzione di far nascere e crescere nelle lettrici e nei lettori la consapevolezza dell’importanza di imparare a imparare, di apprendere dalle esperienze significative, grazie a un processo di riflessione solido e strutturato.
La seconda parte fornisce, in modo operativo, degli strumenti testati sul campo da professionisti esperti che intenzionalmente e con profondità si interrogano giornalmente sull’utilità e le finalità degli strumenti e delle tecniche che utilizzano per poter far sempre meglio il proprio lavoro e con un
atteggiamento di curiosità nei confronti delle situazioni e dei contesti, oltre che chiaramente delle persone che incontrano giornalmente per le quali sono chiamati a investire in termini etici e professionali per la loro crescita e per il loro sviluppo.


Da formatore, abituato alla pragmaticità delle sessioni formative, apprezzo le schede pratiche di debriefing che troverete nella seconda parte del testo. Raccoglierle assieme ad un team di colleghi è stato di per sè auto-formativo. 


Ci sono voluti molti anni per comprendere che l’efficacia della formazione deriva prevalentemente dalla fase di riflessione (reviewing) e non tanto, o non solo, dall’esperienza. Risulta dunque fondamentale spostare parte delle energie dalle “attività” esperienziali d’impatto, alle fasi di riflessione strutturata. Questo libro è figlio di questa esigenza che, inevitabilmente, ci ha spinti ad attivare un progetto di ricerca in tal senso. [...]. Al formatore, a supporto della teoria di ordine scientifico, occorrono strumenti pragmatici da collaudare e verificare nella realtà professionale quotidiana. Nascono così i modelli di riflessione strutturata che troverete nelle prossime pagine.


Ho un po' di ringraziamenti da fare ....
... Cristina Ghiringhello che ha permesso tutto questo ...
.... la professoressa Monica Fedeli, che ha gestito e curato tutta la prima parte del libro ....
... i formatori che hanno contribuito con me e Leonardo alla stesura ed alla raccolta delle schede di debriefing: Julie Dinesen, Andrea Petromilli e Gert Winters ...
...  infine un grazie a Giada, che con un lavoro "nascosto" e nell'ombra a coordinato noi tutti.

Per chi è interessato ecco codice ISBN: 9788891706751, il libro è edito da Franco Angeli.

 
 

3 Responses so far.

  1. Complimenti Luigi! Sarò uno dei primi lettori! :-)
    A presto,
    Walter

  2. Grazie Walter ! Alcune schede sono proprio forti ... soprattutto quelle "straniere" inviate da Gert e Julie

Blog Archive

The SketchNoteBook

The SketchNoteBook
il libro sulle SketchNote

Visual & SketcNote Shop

Visual & SketcNote Shop
Modelli Visuali per la formazione

Visualizzazioni totali

- borgo srl p.zza biagio marin, 13 - 35031 abano terme (pd) P.IVA 03388910287 © distinguersi o estinguersi ... - Powered by Blogger -